La Casa M. D'Auria Editore è dichiarata dallo Stato Italiano «Bene culturale di interesse artistico e storico nazionale»
La Casa M. D'Auria Editore è dichiarata dallo Stato Italiano «Bene culturale di interesse artistico e storico nazionale»
 
 
Dettaglio articolo
UNGHERIA LETTERARIA

Codice: 887092232
Autore: DI FRANCESCO AMEDEO
ISBN: 8870922324
Anno pubblicazione: 2004
Pagine: 348
Richiedi informazioni: Richiedi informazioni

 

UN VIAGGIO NELLA INTERTESTUALITÀ DANUBIANA.
(Indice: Premessa - I. La letteratura ungherese e il cristianesimo. Ipotesi di lavoro e proposte di ricerca - II. La letteratura monastica e gli inizi della drammaturgia e della novellistica in lingua ungherese –Il mito di Mattia Corvino nei canti storici ungheresi del XVI - IV. Gritti nella mitografia letteraria - V. Fra eredità classica e stile tradizionale: la Ruina Pannonica di Christianus Schesaeus - VI. Una storia di ordinaria crudeltà: l’ungherese crocifisso del Viaje de Turquía - VII. La riscrittura ungherese della Historia de duobus amantibus - VIII. Castelletti e Balassi. Drammaturgia e trattatistica nella riscrittura ungherese dell’Amarilli - IX. La questione del manierismo dopo Klaniczay - X. Giordano Bruno nella letteratura ungherese - XI. L’Italia nella letteratura ungherese (secc. XVI-XVII): i mediatori - XII. Il «bano Bánk» di Maiolino Bisaccioni - XIII. Concezione etica e modelli epici italiani nell’Assedio di Sziget di Miklós - XIV. Poetica e politica tra Ungheria, Croazia e Italia: il caso Zrínyi. Per una rilettura areale di epos e mitografia - XV. Croce, Szerdahelyi e la letteratura ungherese - XVI. Nostalgie esotiche. L’Italia nella letteratura ungherese tra Ottocento e Novecento - XVII. Il pastiche nella letteratura ungherese contemporanea d’oltre confine - XVIII. La tragedia della storia e la storia di una tragedia. L’immaginario antico-ungherese in una scrittura di Géza Szőcs: una proposta interpretativa in 15 paragrafi - Indice dei nomi).
 
 
 Carrello
Articoli nel carrello: 0
 
 Login
 
Email:  
Password:  
 
 
 Promozioni
 


OTTAVIO SOPPELSA

DIZIONARIO ZOOLOGICO NAPOLETANO


Il Dizionario Zoologico Napoletano è un’opera unica nel suo genere che ha impegnato l’autore per oltre un decennio di ricerche. I circa 3600 lemmi e le numerosissime varianti riguardano specie distribuite nei vari taxa del regno animale e derivano, oltre che dalla consultazione di numerose opere scientifiche e letterarie, dalla ricerca sul campo. La vasta bibliografia, infatti, spazia in settori eterogenei e ha permesso d’investigare il rapporto uomo-animale in vari ambiti quali l’allevamento, l’agricoltura, le arti, i mestieri, gli usi quotidiani e persino i culti apotropaici. L’arco temporale si sviluppa dalle civiltà dei popoli italici, attraversa la cultura magno-greca, passa per Plinio, Virgilio, Federico II, Ferrante Imperato, Giambattista della Porta, attraversa il XVIII secolo in un fiorire di studi e storie di cui oggi si avverte solo una flebile traccia, fino a giungere ai nostri giorni. L’uso dei termini è testimoniato dalla fraseologia che comprende citazioni tratte dai classici, dai proverbi e dai modi di dire. L’approccio zoologico ha permesso di chiarire alcune etimologie e di proporne altre che sfuggivano al solo aspetto filologico.
Il Dizionario Zoologico Napoletano non è una celebrazione del passato, non una nostalgica cartolina ma la testimonianza del sapere di un popolo e della sua capacità di partecipare all’armonia della Natura.


 

 M. D'AURIA EDITORE s.a.s. - Calata Trinità Maggiore 52-53 - 80134 - Napoli (NA) - Italia
 Tel: (+39) 081.5518963 - Fax: (+39) 081.19577695 - Email: info@dauria.it ; dauriaeditore@pec.it - P.IVA: 03350720631 - C.FISCALE: 03350720631
E-Commerce powered by CyberNET