La Casa M. D'Auria Editore è dichiarata dallo Stato Italiano «Bene culturale di interesse artistico e storico nazionale»
La Casa M. D'Auria Editore è dichiarata dallo Stato Italiano «Bene culturale di interesse artistico e storico nazionale»
 
 
Dettaglio articolo
GIUSTIZIATI A NAPOLI DAL 1556 AL 1862 NELLA DOCUMENTAZIONE DEI BIANCHI DELLA GIUSTIZIA

Codice: 11364
Autore: OREFICE ANTONELLA
ISBN: 9788870923728
Anno pubblicazione: 2015
Pagine: 380
Richiedi informazioni: Richiedi informazioni
Novità

 

Testo di Antonella Orefice, con una prefazione di Antonio Illibato, 380 pagine, con un amplia appendice documentaria.

Uomini a confronto con la propria sentenza di morte, persone che non hanno fatto la storia, ma che l’hanno subita nei suoi aspetti più crudeli e controversi. Le loro memorie silenziosamente hanno aspettato secoli per poter riemergere dal fondo documentario redatto dai confratelli dei Bianchi della Giustizia. Furono oltre 4000 i condannati alla pena capitale che nel Regno di Napoli beneficiarono della loro assistenza,  4000 persone identificate dai primi anni del 1500 fino al 1862.  E le loro storie raccontano la storia.

 

Uno studio sulle confraternite e sulle fratellanze religiose in età moderna, è stato giustamente affermato, non dovrebbe essere una semplice esercitazione di storia della Chiesa, ma una storia sociale di ampio respiro.

Antonella Orefice, tenendo fede a quanto anticipato in un suo precedente scritto, edito nel 2014, prosegue le sue ricerche sulla  confraternita napoletana dei Bianchi della Giustizia. L’esame dei libri degli scrivani dal 1556 al 1862, ci dà ora la conferma piena dell’importanza delle carte prodotte dai Bianchi nei circa quattro secoli della loro meritoria attività.

 
 
 Carrello
Articoli nel carrello: 0
 
 Login
 
Email:  
Password:  
 
 
 Promozioni
 


OTTAVIO SOPPELSA

DIZIONARIO ZOOLOGICO NAPOLETANO


Il Dizionario Zoologico Napoletano è un’opera unica nel suo genere che ha impegnato l’autore per oltre un decennio di ricerche. I circa 3600 lemmi e le numerosissime varianti riguardano specie distribuite nei vari taxa del regno animale e derivano, oltre che dalla consultazione di numerose opere scientifiche e letterarie, dalla ricerca sul campo. La vasta bibliografia, infatti, spazia in settori eterogenei e ha permesso d’investigare il rapporto uomo-animale in vari ambiti quali l’allevamento, l’agricoltura, le arti, i mestieri, gli usi quotidiani e persino i culti apotropaici. L’arco temporale si sviluppa dalle civiltà dei popoli italici, attraversa la cultura magno-greca, passa per Plinio, Virgilio, Federico II, Ferrante Imperato, Giambattista della Porta, attraversa il XVIII secolo in un fiorire di studi e storie di cui oggi si avverte solo una flebile traccia, fino a giungere ai nostri giorni. L’uso dei termini è testimoniato dalla fraseologia che comprende citazioni tratte dai classici, dai proverbi e dai modi di dire. L’approccio zoologico ha permesso di chiarire alcune etimologie e di proporne altre che sfuggivano al solo aspetto filologico.
Il Dizionario Zoologico Napoletano non è una celebrazione del passato, non una nostalgica cartolina ma la testimonianza del sapere di un popolo e della sua capacità di partecipare all’armonia della Natura.


 

 M. D'AURIA EDITORE s.a.s. - Calata Trinità Maggiore 52-53 - 80134 - Napoli (NA) - Italia
 Tel: (+39) 081.5518963 - Fax: (+39) 081.19577695 - Email: info@dauria.it ; dauriaeditore@pec.it - P.IVA: 03350720631 - C.FISCALE: 03350720631
E-Commerce powered by CyberNET