La Casa M. D'Auria Editore è dichiarata dallo Stato Italiano «Bene culturale di interesse artistico e storico nazionale»
La Casa M. D'Auria Editore è dichiarata dallo Stato Italiano «Bene culturale di interesse artistico e storico nazionale»
 
Sei in » MULTIMEDIA
 
Dettaglio articolo
PARLATO ITALIANO in cd-rom

Codice: 887092238
Autore: AA. VV.
ISBN: 8870922383
Anno pubblicazione: 2004
Richiedi informazioni: Richiedi informazioni

 

Atti del Convegno nazionale di Napoli, 13-15 febbraio 2003, a cura di Federico Albano Leoni, Francesco Cutugno, Massimo Pettorino, Renata Savy. CD multimediale.
Indice = ►Presentazione L’organizzazione e l’uso del CD ►Wa-yehi or (Gen. 1, 3): la voce, l’udito e lo spazio linguistico ►La lingua italiana parlata nelle Teche Rai (con un filmato prodotto da Teche Rai) ►Il fenomeno del raddoppiamento sintattico nella realtà linguistica italiana ►Isocronia soggettiva o oggettiva? Relazioni tra tempo articolatorio e quantificazione ritmica ►The Phonetics and Phonology of Segment Duration in Italian Revisited ►Incidenza di fenomeni di riduzione vocalica nel parlato spontaneo a Bari e a Lecce ►Proprietà spettrali del rumore di frizione nel consonantismo fiorentino ►L’affricazione di /s/ postconsonantico nella varietà pisana di italiano ►Varietà e qualità dell’articolazione nasale: dal parlato al canto ►Gli inventari fonetici dai 18 ai 27 mesi d’età: uno studio longitudinale ►Strategie sintattiche di focalizzazione in una varietà regionale di parlato ►Le relative non-standard in alcuni corpora di italiano parlato (LIR, LIP, LABLITA, AVIP) ►Il parlato telegrafico tra persone e sistemi artificiali ►Fonctionnement microsyntaxique de modifieur et fonctionnement macrosyntaxique en parataxe des constructions introduites par que et parce que en français parlé, avec extension au cas de perché et che en italien parlé ►Frasi nominali nel parlato dialogico: problemi empirici e teorici ►L’interpretazione del focus e la portata degli operatori sintattici ►La morfologia del parlato italiano tra ridondanza e processi di riduzione ►“Pragmaticizzazione” dell’incompletezza semantica nell’italiano parlato: le ipotetiche sospese ►Il repertorio linguistico degli oriundi italiani nelle Fiandre ►Focus sul topic ►Sulla variazione sintattica: invarianza e variabilità dei processi di topicalizzazione in italiano parlato ►Enunciati nominali in un corpus di italiano parlato. Appunti per una grammatica corpus based ►La costruzione relativa nell’italiano parlato: enomeni italiani e romanzi ►Perifrasi verbali nell’italiano parlato ►L’inciso: caratteristiche morfosintattiche e intonative in un corpus di riferimento ►Struttura informativa e variabile prosodica. Come l’intonazione influenza l’analisi del costrutto sintattico ►La sintassi della clausola nel dialogico ►Il lessico del parlato degli stranieri in Italia ►Dal corpus LIR: prove e confronti lessicali ►Il parlato “selvaggio”. Dalla settorialità all’usualità linguistica (1960-2000) ►La variazione primaria del verbo nel lessico dei corpora di parlato ►Il sessismo nella lingua italiana: il contributo del parlato televisivo ►Osservatorio dell’italiano contemporaneo: esempi di continuum linguistico tra scritto e parlato (anno 2002) ►Il carattere ibrido della scrittura letteraria nella narrativa italiana contemporanea ►Una strategia di costruzione del testo parlato: l’introduttore locativo ►Parlato e testualità: alcune caratteristiche prosodiche di due tipi di testo in italiano ►Dal parlato allo scritto: le trascrizioni giudiziarie ►Il topic: criteri di identificazione e correlati morfosintattici in un corpus di parlato italiano ►Testualità e funzionalità del parlato ►Su alcuni fenomeni di samdhi esterno nel perugino parlato ►Vocali fiorentine e vocali pisane a confronto ►L’italiano locale nell’area garganica settentrionale tra modelli dialettali, standard reale e standard presunti: il caso dei sistemi vocalici tonici ►Una rivisitazione acustica della gorgia toscana ►Prime considerazioni sugli esiti della ricerca MIUR “La lingua delle città” ►Sulla prosodia dell’italiano regionale abruzzese (IRA) ►Il caso del parlato cinematografico: tratti regionali toscani e italiano dell’uso medio ►Quanto sono regionali le varianti regionali, oggi? ►L’italiano parlato: varietà storica o variazione universale? ►Focus ristretto e focus contrastivo in italiano ►Fenomeni sintattici e prosodici relativi alla distinzione fra due tipi di soggetto post-verbale ►Modellizzazione automatica dell’intonazione per un sistema di sintesi da testo scritto in italiano ►Modelli prosodici di una lingua ad accento tonale ►La forma intonativa di valore illocutivo: un repertorio “corpus based” ►Strategie di accentazione in contesti direttivi. Esempio del Map Task con parlanti napoletani ►Il continuum della variazione pragmatico-espressiva nell’intonazione dell’italiano parlato a Torino ►Italiano, Francese e Francoprovenzale: aspetti prosodici di tre lingue a confronto ►Costituenza metrica e lingua poetica italiana ►Contesto, inferenze, sviluppo dialogico nel test delle differenze ►La telefonata dell’ascoltatore ►Il discorso riportato, il parlato spontaneo e i processi di comprensione ►Problemi pragmatici e annotazione nei dialoghi API napoletani ►Un nuovo modello di coarticolazione per l’animazione facciale ►M.R. D’Acierno, Il parlato e il gesto nei bambini bilingui ►La “teatralizzazione” del parlato nelle reality tv: il caso di “Al posto tuo” ►Italiano parlato o comunicazione multimodale? (Le ragioni di un insuccesso) ►Veneto, napoletano e italiano negli spettacoli di cabaret di “Cafè sconcerto”: il “parlato recitato” come modo di agire nel sociale ►Il “parlato parlato trasmesso” ►Strategie interazionali dell’apprendente nel dialogo tra nativo e non-nativo ►Tracce di italiano parlato nel parlato dialettale: funzioni, sentimenti e atteggiamenti ►Il parlato emotivo. Aspetti cognitivi, linguistici e fonetici ►Semi-dialettofonia e semi-italofonia degli immigrati in Veneto: una prima descrizione socio-pragmatica tra emozioni e atteggiamenti ►Fenomeni di interferenza e di integrazione fra modalità verbale e modalità gestuale nella comunicazione di bambini sordi ►La costruzione del discorso diretto in lingua italiana dei segni: il ruolo delle componenti non manuali ►L’ordine delle parole nella LIS (Lingua dei Segni Italiana) ►L’italiano parlato di bambini sordi prescolari: aspetti lessicali e morfologici ►I segnali discorsivi nell’acquisizione dell’italiano L2 ►Il parlato cinematografico e la didattica dell’italiano (a stranieri): scale e livelli di comprensione ►Mediazione equilibrata tra lingua e cultura: un aspetto fondamentale della didattica del parlato L2. Un esempio australiano ►Insegnamento di una lingua speciale e interazione verbale in classe: l’italiano della matematica nella scuola elementare ►Osservazioni sul parlato dell’insegnante in classi disciplinari plurilingui ►Alcuni ‘nemici’ di Eliza Doolittle. Dati e considerazioni su l’epistemologia della fonetica scolastica ►Definizione ed annotazione prosodica di un database di parlato-letto usando il formalismo ToBI ►Per una linguistica corpus based dell’italiano parlato: le unità di riferimento ►AN. ANA. S.: Analisi sintattica e annotazione XML a contatto ►Una nuova proposta per il tracciamento automatico delle formanti ►WinPitch Corpus, a software tool for alignment and analysis of large corpora ►L’italiano come risorsa romanza nel corpus multilingue C-ORAL-ROM ►Strumenti automatici per l’annotazione e l’interrogazione multi-livello del corpus AVIP.
 
 
 Carrello
Articoli nel carrello: 0
 
 Login
 
Email:  
Password:  
 
 
 Promozioni
 


OTTAVIO SOPPELSA

DIZIONARIO ZOOLOGICO NAPOLETANO


Il Dizionario Zoologico Napoletano è un’opera unica nel suo genere che ha impegnato l’autore per oltre un decennio di ricerche. I circa 3600 lemmi e le numerosissime varianti riguardano specie distribuite nei vari taxa del regno animale e derivano, oltre che dalla consultazione di numerose opere scientifiche e letterarie, dalla ricerca sul campo. La vasta bibliografia, infatti, spazia in settori eterogenei e ha permesso d’investigare il rapporto uomo-animale in vari ambiti quali l’allevamento, l’agricoltura, le arti, i mestieri, gli usi quotidiani e persino i culti apotropaici. L’arco temporale si sviluppa dalle civiltà dei popoli italici, attraversa la cultura magno-greca, passa per Plinio, Virgilio, Federico II, Ferrante Imperato, Giambattista della Porta, attraversa il XVIII secolo in un fiorire di studi e storie di cui oggi si avverte solo una flebile traccia, fino a giungere ai nostri giorni. L’uso dei termini è testimoniato dalla fraseologia che comprende citazioni tratte dai classici, dai proverbi e dai modi di dire. L’approccio zoologico ha permesso di chiarire alcune etimologie e di proporne altre che sfuggivano al solo aspetto filologico.
Il Dizionario Zoologico Napoletano non è una celebrazione del passato, non una nostalgica cartolina ma la testimonianza del sapere di un popolo e della sua capacità di partecipare all’armonia della Natura.


 

 M. D'AURIA EDITORE s.a.s. - Calata Trinità Maggiore 52-53 - 80134 - Napoli (NA) - Italia
 Tel: (+39) 081.5518963 - Fax: (+39) 081.19577695 - Email: info@dauria.it ; dauriaeditore@pec.it - P.IVA: 03350720631 - C.FISCALE: 03350720631
E-Commerce powered by CyberNET